Lo Sapevi Che

  • Home
  • Blog
  • Influenza: rischiosa in gravidanza

Influenza: rischiosa in gravidanza

Ormai il brutto tempo è passato, ma gli sbalzi di temperatura che si verificano nell’arco della giornata mettono a rischio la salute facendo ancora vittime di malattie da raffreddamento e dell’influenza.

Uno studio condotto in cinque diversi Stati americani, sotto la guida di Kim Newsome, dai ricercatori dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) di Atlanta ha messo a confronto i dati emersi al momento del parto di 490 donne in stato di gravidanza che sono state colpite dal ceppo H1N1 di influenza-A con i dati di oltre 1.451 donne che non hanno contratto nessuna forma influenzale e che hanno partorito nello stesso anno e infine con i dati di 1.446 donne senza influenza che sono diventate mamme l’anno precedente.

È risultato che le donne in gravidanza che sono state colpite da una forte forma influenzale che le ha costrette ad un ricovero in terapia intensiva hanno avuto molte più probabilità di essere sottoposte a parti prematuri con la conseguente nascita di bambini sottopeso rispetto alle gestanti che hanno avuto un’influenza di lieve entità e a quelle che non ne sono state soggette.

Le donne ricoverate in terapia intensiva con infezioni gravi da H1N1 hanno avuto quasi quattro volte più probabilità di far nascere bambini prematuri e/o sottopeso rispetto alle altre future mamme facenti parte del campione. Inoltre, queste prime neomamme hanno avuto possibilità otto volte superiori alle altre di avere bimbi con punteggi Apgar bassi. Questo punteggio rispecchia i valori della valutazione del benessere generale del nascituro e viene calcolata subito dopo la nascita.

L’autore principale dello studio, Kim Newsome, ha specificato che anche questa ricerca ha avvallato i risultati dei precedenti lavori che hanno evidenziato l’aumento dei rischi sulla salute per i bambini nati da donne che durante la gravidanza sono state gravemente malate di influenza. I casi di grave influenza sono rari, ma è bene trattare la malattia precocemente per evitare che prenda forme gravi e pericolose.

Trackback dal tuo sito.

QUESTO SITO UTILIZZA COOKIE, ANCHE DI TERZE PARTI, PER SERVIZI IN LINEA CON LE SUE PREFERENZE SCELTE. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi